Archivio per giugno, 2011

I perform this way

Pubblicato: 23 giugno 2011 in Humor, Musica

A distanza di non so più quanto tempo, una segnalazione un po’ OT rispetto al trend di questo blog.
Direi che per un ritorno in grande stile del supremo Weird Al Yankovic, si può anche fare uno strappo alla regola.

Weird Al Yankovic – I Perform This Way (Lady Gaga’s parody)

My mama told me when I was hatched
Act like a superstar
Save your allowance, buy a bubble dress
And someday you will go far

Now on red carpets, well, I’m hard to miss
The press follows everywhere I go
I’ll poke your eye out with a dress like this
Back off and enjoy the show!

I’m sure my critics will say it’s a grotesque display
Well, they can bite me, baby — I perform this way
I might be wearin’ Swiss cheese or maybe covered with bees
It doesn’t mean I’m crazy — I perform this way

Ooo, my little monsters pay… lots ‘cause I perform this way
Baby, I perform this way
Ooo, don’t worry, I’m okay… hey, I just perform this way
I’m not crazy, I perform this way

I’ll be a troll or evil queen
I’ll be a human jelly bean
‘Cause every day is Halloween
For me…

I’m so completely original
My new look is all the rage
I’ll wrap my small intestines ‘round my neck
And set fire to myself on stage

I’ll wear a porcupine on my head
On a W-H-I-M
And for no reason now I’ll sing in French
Excusez-moi, Qui a pété?

Got my straight jacket today, it’s made of gold lamé
No, not because I’m crazy – I perform this way
I strap prime rib to my feet, cover myself with raw meat
I’ll bet you’ve never seen a skirt steak worn this way

Don’t be offended when you see
My latest pop monstrosity
I’m strange, weird, shocking, odd, bizarre
I’m Frankenstein, I’m Avatar

There’s nothing too embarrassing
I’ll honestly do anything
But wear white after Labor Day
‘Cause baby, I perform this way

Hope you won’t think it’s cliché if I go nude today
Don’t call the cops now, baby, I perform this way
No reason I should regret all the attention I get
I’m not completely crazy, I perform this way, yeah

I perform this way-hey, I perform this way-hey
I’m always deviating from the norm this way-hey
I perform this way-hey, I perform this way-hey
I’m really not insane — I just perform this way-hey

Annunci

Immagino che non sia giusto ridere di certe cose, ma ieri sera quando me l’hanno accennato al ristorante e sono andato su wikipedia mobile per leggere i dettagli, non sono riuscito a trattenere grasse risate di pancia. Non so se me ne devo vergognare, ma tant’è:

Pio XII si spense a Castel Gandolfo alle 3:52 del 9 ottobre 1958 a seguito di un’ischemia circolatoria e di collasso polmonare, all’età di 82 anni.
Fu l’archiatra pontificio Riccardo Galeazzi Lisi ad occuparsi dell’imbalsamazione del pontefice, cosa che fece testando un suo metodo sperimentale: l’avvolgimento della salma dentro alcuni strati di cellophane insieme ad una miscela di erbe aromatiche, spezie e prodotti naturali.
Il bizzarro metodo di Galeazzi Lisi si rivelò però un fallimento, mostrando immediatamente tutta la sua inefficacia: il corpo del papa subì infatti la più veloce decomposizione che la medicina legale ricordi.
Il volto divenne in breve tempo grigio e dagli orifizi, specie dalla bocca, la salma iniziò a sversare liquame scuro lungo il viso e le orbite degli occhi. Le guardie nobili, assegnate a veglia del defunto Pontefice, fecero un enorme sforzo per resistere all’odore nauseabondo esalante dal cadavere, alternandosi frequentemente per evitare svenimenti causati dall’eccessiva esposizione ai gas mefitici.
Non solo: il feretro, gonfiatosi all’inverosimile nella zona del ventre a causa dei gas putrefattivi intestinali, durante il trasporto da Castel Gandolfo alle porte di Roma emise un grosso e sinistro scoppio che provocò l’esplosione del torace e lo squarcio del petto.
Fu necessario, una volta giunti al Laterano, procedere con urgenza, sfidando miasmi orribili, a riparare al meglio possibile il corpo devastato del papa, per un degno trasporto all’interno della Basilica di San Pietro. Tuttavia molti presenti all’evento ricordano ancora, lungo la navata della basilica, le zaffate tremende che si riversavano sulla folla al passaggio del cataletto nonché l’aspetto mostruoso del papa: diventato nerastro, gli cadde il setto nasale ed i muscoli facciali, orribilmente ritratti, facevano risaltare la chiostra dei denti in una “risata agghiacciante”.
Per rimediare, venne convocato un gruppo di medici legali esperti nel campo dell’imbalsamazione per eseguire un nuovo trattamento conservativo con ovatta e formalina, volto a rallentare il processo di decadimento organico. Ma nonostante il nuovo intervento la situazione era ormai compromessa, rendendo necessaria la posa, sul volto del papa, di una maschera di cera (cerone miscelato a composti alcalini).
Riccardo Galeazzi Lisi, inoltre, scattò una ventina di scabrose fotografie al papa agonizzante, vendendole poi ad alcuni giornali francesi. A causa di questa speculazione venne licenziato in tronco dal Collegio Cardinalizio e venne radiato dall’Ordine dei Medici per comportamento indegno. Il successore di Pio XII, papa Giovanni XXIII, lo bandì a vita dal Vaticano.
Eugenio Pacelli è sepolto nelle Grotte Vaticane vicino alla tomba di Pietro, che egli contribuì a individuare.

Fonte: Wikipedia

Aggiornamento 12/06/2017
Mi è stato gentilmente segnalato che l’articolo da cui è tratta l’informazione è
http://bizzarrobazar.com/2012/06/06/larchiatra-corrotto/ e che dalla pagina di Wikipedia sono stati rimossi i riferimenti a questo “bizzarro” episodio.
Il suddetto blog, a sua volta, riprende in buona parte la notizia dal sito del Cesnur http://www.cesnur.org/2009/tesi_papi_foto.htm

500 anni fa…

Pubblicato: 7 giugno 2011 in Apostasia

Chissà se a suo tempo la pensavano veramente così…

tratto dalla serie tv I Tudors